Domenica 26 novembre (ore 17) al Teatro di Villa Torlonia due tragiche e indimenticabili pagine della storia: I MONOLOGHI DELL’ATOMICA

Domenica 26 novembre (ore 17) al Teatro di Villa Torlonia Elena Arvigo porta in scena I MONOLOGHI DELL’ATOMICA, spettacolo ispirato a due testimoni scomode, Svetlana Aleksievich e Kyoko Hayashi, due donne al tempo di Cernobyl e Nagasaki. Prosegue così il percorso nel teatro civile di Elena Arvigo, che porta al centro la figura femminile come testimone di episodi tragici legati alla guerra e alla criminalità delle scelte umane. I due fatti all’origine dello spettacolo, Hiroshima e Chernobyl, sono tra loro distanti quarant’anni e hanno in comune la distruzione e la morte nucleare: il 9 agosto 1945, 70 anni fa, viene lanciata la bomba atomica su Nagasaki; il 26 aprile 1986, quarant’anni dopo, scoppia la centrale nucleare di Cernobyl.

Eventi simbolo della devastazione nucleare indagata attraverso le parole di Svetlana Aleksievich, premio Nobel per la letteratura 2015, con i suoi diari “Preghiera per Cernobyl”, e Kyoko Hayashi, sopravvissuta a Nagasaki, con la sua testimonianza nei “Racconti dell’atomica”. Due voci che ci parlano della grande Storia attraverso le piccole storie, che sono soprattutto vicende di donne. Raccontando ciò che conosciamo solo in parte: le impressioni, i sentimenti delle persone che hanno toccato con mano l’ignoto.

«Quello che spero di riuscire a restituire è la tragica fatalità di queste umanissime storie per ricordare a me stessa, prima di tutto l’importanza della memoria e del ricordo. Avvicinare le storie per renderle un po’ più nostre e quindi riuscire a sentire finalmente un senso di responsabilità per il futuro – racconta Elena Arvigo – Sono arrivata a immaginare uno spettacolo che ricordasse questi due straordinari avvenimenti dopo aver letto Preghiera per Cernobyl di Svetlana Aleksievich. L’autrice non parla di Cernobyl in quanto tale, ma del suo mondo, di cosa sia successo e per colpa di chi per questo ha viaggiato per diversi anni nella sua terra, la Bielorussia, e ha raccolto le testimonianze, i sentimenti, di chi ha vissuto in prima persona quegli avvenimenti. Io avevo circa 10 anni e ricordo bene le notizie al telegiornale e che c’erano dei bambini che venivano in vacanze da noi in riviera ospiti di famiglie per prendere aria buona. Ma tutto è sempre così lontano… si fa davvero fatica a visualizzare e a comprendere quello che ci succedendo intorno. Questo libro fa chiarezza. Senza scampo si è costretti a vedere quello che è successo e di cui così poco si parla. Il pericolo delle centrali nucleari non interessa a nessuno, pur essendo un argomento di un’attualità spaventosa. “Pensavo di aver scritto del passato invece era il futuro” scrive la Aleksievich. E così ho aggiunto la Aleksievich alla lista dei testimoni scomodi e necessari di questo nostro tempo a cui sto dedicando in questi anni il mio lavoro. Questo mio viaggio continua con I Racconti dell’atomica di Kyoko Hayashi. Un libro incredibile che sembra un’opera di fantascienza. Hayashi vive da 70 anni con quello che chiama un “nemico interno”, la radioattività nascosta nel suo corpo, indelebile come una stimmate, la sua è quasi la testimonianza del rapporto tra il corpo umano e il nucleare. La scrittura descrive con la precisione asciutta di uno scienziato la lenta agonia di chi è consapevole di morire un po’ ogni giorno, senza mai indulgere nel patetico. È il racconto in presa diretta, attraverso i personaggi femminili, di quello che accadde a Nagasaki, ma anche di cosa significa vivere da sopravvissuti al disastro”.

Al centro dello spettacolo non c’è la “grande storia” ma la messa a nudo dell’animo umano di fronte all’indicibile. Una prosa distaccata e coinvolgente, un viaggio attraverso il tempo e la vita dei testimoni diretti che ci spinge ad interrogarci su come ognuno di noi avrebbe reagito in situazioni così estreme.
Elena Arvigo_ attrice e regista nata a Genova, si è formata come ballerina con Giannina Censi e poi al London Studio Centre /Laban Centre di Londra. Diplomata alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Giorgio Strehler (96/99). In teatro ha lavorato intensamente come attrice diretta fra gli altri da Alvis Hermanis, Eimuntas Nekrosius, Valerio Binasco, Jacques Lassalle. Dal 2009 ha iniziato a occuparsi di progetti di teatro indipendente – occupandosi della regia e della produzione di diversi spettacoli – tra i quali : 4: 48 Psychosis di Sarah Kane (diretto e prodotto da Valentina Calvani), Il Bosco di David Mamet ,Maternity Blues di Grazia Verasani .Del progetto Le imperdonabili fanno invece parte gli spettacoli : Donna non rieducabile di Stefano Massini , I Monologhi dell’ atomica di Svetlana Aleksievich, Etty Hillesum ovvero la resistenza del pensiero di Damiano D’ Innocenzo, Elena di Sparta ovvero il ritorno a casa di Elena Arvigo e Alessandra Salamida. Ha fondato la produzione Santa Rita Teatro – Nell’ ultima stagione è stata impegnata nella tournée di Edipo re e Edipo a Colono diretti da Andrea Baracco e Glauco Mauri e in varie date di tutti i vari spettacoli. In cinema e Televisione ha lavorato in diverse produzioni italiane tra le quali è stata protagonista della Piovra – e straniere – tra le quali la serie americana Mental, il film Eat Pray Love. Nella scorsa stagione ha preso parte al film ” una vita in cambio ” in uscita nel prossimo novembre.

INFO TEATRO DI ROMA _ Largo di Torre Argentina, Roma
Biglietteria: tel. 06.684.000.311/314 _ www.teatrodiroma.net
Teatro di Villa Torlonia _Via Lazzaro Spallanzani 1A, Roma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...