Ezio Mauro racconta la Rivoluzione Russa fino al 29 ottobre al Teatro Argentina

La Rivoluzione Russa raccontata da Ezio Mauro con quattro appuntamenti teatrali

domenica 29 ottobre | ore 11.00

domenica 5 e 12 novembre | ore 11.00

I DUE TRENI, LENIN E LO ZAR | CRONACHE DI UNA RIVOLUZIONE

di e con Ezio Mauro

con la partecipazione in voce di Ivano Marescotti

soluzioni video, messa in scena, regia Tommaso Arosio e Fedra Boscaro

ricerca iconografica Carmen Manti – si ringraziano per immagini e video Redazione Repubblica tv e Visual Desk

Produzione Elastica srl

Si­pari aperti sulla Storia con un nuovo ciclo in quattro puntate, la domenica mattina alle ore 11, sulla Rivoluzione Russa raccontata da Ezio Mauro, a cento anni dalla sua deflagrazione. Quattro domeniche – 22 e 29 ottobre, 5 e 12 novembre – al Teatro Argentina per ripercorrere la rivoluzione che ha segnato indelebilmente la storia del Novecento e raccontare cosa significò quel 1917 per l’Europa e per il mondo, quando cento anni fa i bolscevichi prendevano il potere in Russia. I DUE TRENI, LENIN E LO ZAR. CRONACHE DI UNA RIVOLUZIONE” è il titolo del ciclo di incontri di Ezio Mauro, corrispondente da Mosca per La Repubblica negli anni della Perestrojka e profondo conoscitore della Russia, che torna su quei luoghi per restituirci fatti e protagonisti con gli strumenti del grande giornalismo. Con l’intento del cronista si addentra in una ricostruzione minuziosa di quegli avvenimenti, pren­dendo il via dall’omicidio di Rasputin (avvenuto il 30 dicembre 1916, a San Pietroburgo) per approdare all’assassinio dei Romanov, l’ultima famiglia imperiale. Ne esce il racconto di una Russia che, allora come oggi, è al centro dello scenario europeo e mondiale. Il cuore drammaturgico di questa ricostruzione sono due treni che, a distanza di un mese, attraversano la Russia. Sul primo treno viaggia Nikolaj Aleksandrovic Romanov, imperatore di tutte le Russie, l’ultimo Zar che sta scendendo dal trono tricentenario della sua dinastia per entrare nella tragedia finale. Sull’altro, scortato dai suoi compagni bolscevichi, Vladimir Ilic Ulianov, conosciuto come Lenin, il primo rivoluzionario di Russia, che sta per salire al potere prendendo la guida di una rivoluzione scoppiata nel suo Paese senza di lui, in esilio da 17 anni. La messa in scena per immagini evoca la consultazione di un archivio segreto, appena ritro­vato, dove una serie di vecchi microfilm fissano i volti, i luoghi e i dettagli dei momenti più salienti. Suoni, voci e canti del periodo (come la Marsigliese intonata in russo dai lavoratori) concorrono a restituire la vivida attualità di quei giorni.

INFO TEATRO DI ROMA Largo di Torre Argentina, Roma
Biglietteria: tel 06.684.000.311/314 www.teatrodiroma.net
Biglietti: ingresso 8,00€

Card Lenin e lo Zar 20,00€ 4 ingressi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...