La Leggenda di Redenta Tiria


dal 17 al 22 maggio
TEATRO BELLI
Compagnia Teatri Possibili
La Leggenda di Redenta Tiria
di Salvatore Niffoi
progetto e regia di  Corrado d’Elia
musiche di Marisa Sannia

Dopo il successo di critica e pubblico si Cirano al Teatro Vittoria, torna a Roma da martedì e solo per 1 settimana al Teatro Belli Corrado d’Elia con il suo nuovo attesissimo spettacolo “La Leggenda di Redenta Tiria” di Salvatore Niffoi. Un omaggio alla poesia, alle storie meravigliose di una terra magica e … alla vita ritrovata.

Una grande storia dal sapore mistico e universale, radicata nella terra di Sardegna, di cui racconta le asperità, la forza e la magia.

Abacrasta non si trova in nessuna enciclopedia o carta geografica, è un paese (immaginario, ma verosimile) situato nella terra avara e rocciosa nel cuore della Barbagia. Abacrasta è meglio noto tra i paesi del circondario come «il paese delle cinghie»: molti fra coloro che vi abitano ad un certo punto della loro esistenza sentono il richiamo della Voce, e corrono ad impiccarsi. Legano al collo la cinghia e dicono addio alla vita: «nelle tanche di Abacrasta non c’è albero che non sia diventato una croce».

Finché un giorno non arriva Redenta Tiria, «una femmina cieca, con i capelli lucidi come ali di corvo e i piedi scalzi», ed i suicidi cessano. «Sono la figlia del sole, e sono venuta per portare la luce nel paese delle ombre».

d’Elia in questo spettacolo si serve di una lingua “ibridata”, che si fonda sulla commistione di italiano e limba; non un mero esercizio di stile, ma un flusso che si dispiega con naturalezza, con un accento forte e riconoscibile. È un registro linguistico che persuade e avvince, capace di esprimere le tensioni di una terra, ma anche di parlare ad un pubblico vasto, universale.
Accompagna il racconto la voce magica e incantata di Marisa Sannia, una musica che sa di terra, di magia e di meraviglia, il cui suono penetra nel profondo mistero della vita e della morte.

E’ difficile non scorgere un senso quasi religioso nella figura di Redenta Tiria.
Redenta, redenzione: ma non in senso ultraterreno, giacché insegna che l’unico riscatto possibile è nella vita stessa, nella «vita ritrovata», nella speranza, nel «tagliare la lingua alla Voce».
È una “religione” della vita, quella che emerge in filigrana di questa favola cruda e bellissima.

INFO E PRENOTAZIONI:
Biglietteria 06.58.94.875
info@teatrobelli.it

Clicca sul link sottostante per vedere il promo RAI
http://www.youtube.com/watch?v=eCWsqnbUkwM

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...