Donne d’amore

>

Donne d’amore – Rassegna di monologhi al femminile
a cura di Virginia Barrett e Carlangelo Scillamà

Lunedì 11 ottobre 2010 alle ore 21,00 al Teatro Ghione di Roma verrà inaugurata la II Edizione di “Donne d’Amore” – Rassegna di monologhi al femminile, che proseguirà dal 13 al 24 ottobre 2010 nella Sala Teatro Planet di Roma diretta da Caterina Costantini.

La Rassegna è stata realizzata con il fondo assistenza e previdenza dei pittori e scultori,musicisti, scrittori ed autori drammatici dell’ENPALS , il patrocinio e sostegno del Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, la collaborazione della FALCRI SGSS e il patrocinio della Camera dei Deputati e della Regione Lazio.

Nel corso della serata inaugurale ci sarà la presentazione degli autori che hanno curato l’organizzazione della rassegna : Virginia Barrett e Carlangelo Scillamà (membri della Commissione Autori drammatici dell’ENAP, ente attualmente assorbito dall’ENPALS)e Caterina Costantini, direttrice del Teatro Planet, con i monologhi :

“Perdona e accogli la vita!”, scritto e diretto da Virginia Barrett, interpretato da Patrizia Longo, monologo ispirato alla storia vera di Suor Lucj Vetruse, suora bosniaca violentata dai serbi durante l’efferata guerra che coinvolse i territori dell’ex Jugoslavia .

“Avete mai udito il pianto di una madre?”, scritto e diretto da Virginia Barrett, interpretato da Alma Manera. Il dolore di una madre serba, simbolo delle madri di tutto il mondo, per la perdita del figliolo militare morto durante il conflitto dell’Ex Jugoslavia.

“Un eroe”, di Carlangelo Scillamà, diretto da G. Tozzi e interpretato da Monica Menchi. Una donna, rimasta vedova del marito morto in guerra, rivive dolcemente la presenza dell’uomo che amava in ogni cosa che compie.

“Così era Rosetta mia …” scritto, diretto e interpretato da Caterina Costantini, ispirato ad una storia realmente accaduta durante la Seconda Guerra Mondiale.

All’evento di inaugurazione interverranno Elena Doni, giornalista e scrittrice, il Magistrato Italo Ormanni, Presidente del Dipartimento per gli Affari di Giustizia, Alma Manera in veste di attrice e cantante, Maria Cristina Blu, attrice e conduttrice televisiva che leggerà il Manifesto di Hillary Clinton sui Diritti delle Donne in un adattamento teatrale di Elena Doni.

L’obiettivo della Rassegna è quello di promuovere la nuova drammaturgia femminile, con uno staff composto in gran parte da donne: autrici, regista, aiuto regista, scenografa, costumista, musicista, fotografa di scena, addetto stampa.

Le autrici che metteranno in scena i propri monologhi a partire dal 13 ottobre sono:

Anna Cantagallo: “Libro nero”con Carlotta Mancini e Benedetta Dimaggio regia di Teresa Cordaro.

Antonella Pagano : “Percorrimi” con Rossana Bellizzi regia di Carlangelo Scillamà

Liliana Paganini : “Il problema” con Cristina Fondi regia di Gabriele Tozzi

Lilli Maria Trizio: “Parto trasversale” con Giovanna Famulari regia di Virginia Barrett

Lucia Lasciarrea :“Famiglia naturale”con Chiara Mastroiacovo regia di Caterina Costantini

Luciana Luppi :“Attrice per un giorno”con Beatrice Messa regia di Carlangelo Scillamà

Luisa Sanfilippo: “S-MEMORIE”diretto e interpretato da Luisa Sanfilippo allestimento di Vincenzo Sanfilippo

Patrizia Monaco: “È tutto vero, ma non è la verità” con Antonella Britti, regia di Virginia Barrett

Patrizia Parisi:” L’interrogatorio” con Fatima Ali, Gabriele Granito e Diego Pianese, regia Caterina Costantini

Pilar Castel “Dulcamara, la strega”diretto e interpretato da Pilar Castel

Veruska Proshina” In apnea “ diretto e interpretato da Veruska Proshina

Giovanna Barbero” I soliti curiosi” con M. Grazia Bordone e Angela Bulzomì, regia di Virginia Barrett e Carlangelo Scillamà.

Autrici ospiti :

Rossella Or :“Lei ” diretto e interpretato da Rossella Or

Sara Calanna “ Multiproprietà “ con Rita Pasqualoni, Rossana Bellizzi, Elisa Faggioni regia di Sara Calanna

Anche quest’anno, la Rassegna, il cui ingresso è libero e gratuito, avrà un risvolto benefico : verranno raccolti fondi per un progetto tutto al femminile:

A.C.S. Italy sostiene le donne in Bosnia Herzegovina, in Palestina e nella Repubblica Democratica del Congo attraverso progetti rurali, formazione e microcredito. Microcredito e costituzione di cooperative agricole e associazioni di villaggio si sono dimostrati strumenti fondamentali per la promozione del ruolo della donna nel contesto rurale ed il sostegno delle attività economiche.

Bosnia Erzegovina “Progetto Lamponi di pace”

Bratunac è un piccolo comune vicino a Srebrenica, città che è stata teatro di violentissimi scontri tra musulmani e serbi dal ’92 al ’95, culminati nel massacro dell’11 luglio ’95, quando le milizie serbo bosniache si impadronirono di Srebrenica uccidendo tutti i maschi di età compresa tra i 14 e i 60 anni. A partire dal 2002, ACS ha avviato un programma di ricostruzione del tessuto sociale e dell’economia locale insieme alle donne di Bratunac per riattivare l’economia rurale su base sostenibile attraverso la costituzione di un sistema micro-economico basato sulla coltivazione di piccoli frutti (lamponi e fragole).

La “Cooperativa Insieme”, costituita per la maggioranza da donne serbe e bosniache, ha creato, nel villaggio di Bratunac, un vivaio all’aperto di piantine di lamponi, fragole e mirtilli ed un vivaio in serra. Sono stati effettuati corsi di formazione in Italia per i tecnici della cooperativa e corsi in loco per i soci, è stato acquistato un furgone, è stato costruito un impianto di surgelazione con capacità di stoccaggio e un laboratorio per la produzione di marmellata.

Le attività del progetto sono state indirizzate principalmente ai soggetti più svantaggiati e vulnerabili di Bratunac, come le donne sole e anziane, le donne capofamiglia, le famiglie con numerosi bambini, le famiglie con il capofamiglia disoccupato, senza alcun riguardo all’appartenenza religiosa o “etnica”. Gli interventi sono stati diretti al miglioramento delle condizioni di vita, tanto dei beneficiari quanto dell’intera comunità, grazie alla riattivazione generale dell’economia. Il progetto favorisce la convivenza tra le comunità bosniaca e serba ed ha permesso di riavviare il dialogo tra i diversi gruppi etnici.

Quest’anno i fondi raccolti saranno devoluti ad un nuovo progetto dal titolo: Una nuova sfida in Bosnia: “Hair Styling”. Sono passati 16 anni dalla fine della guerra ma le ferite non sono ancora rimarginate. Gli anni della guerra civile hanno provocato la distruzione delle infrastrutture e l’arresto delle principali attività produttive. Il settore industriale è stato dimezzato e la capacità produttiva è oggi un decimo di quella precedente. Purtroppo, ancora molti giovani, specialmente giovani donne delle aree rurali, lasciano prematuramente la loro istruzione e troppo tardi scoprono di essere impreparate per il mercato dell’occupazione. ACS lavora per contribuire a fornire una rete di sicurezza alle figlie delle famiglie di profughi rientrate dopo la guerra. Progettazione ed esecuzione di corsi di formazione professionale sono un passo concreto verso questa direzione. “ Hair Styling ” è un corso di formazione professionale, organizzato da ACS e dalle associazioni di donne in Bosnia (Forum Žena, Jadar, Maya), per giovani donne serbe e bosniache di età compresa tra i 18 e i 25 anni. La formazione si propone di preparare le ragazze dei villaggi di Kravica e Konjević Polje ed aiutarle ad entrare nel modo del lavoro.

Manifestazione realizzata con il sostegno del Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, e con il Fondo assistenza e previdenza dei pittori e scultori, musicisti, scrittori ed autori drammatici presso ENPALS – Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i lavoratori dello Spettacolo e dello Sport.

Donne d’amore
Rassegna di monologhi al femminile
11 ottobre 2010 Serata inaugurale ore 21,00
Teatro Ghione -Via delle Fornaci, 37 00165 Roma
Dal 13 al 24 ottobre 2010 – ore 21,00 / domenica ore 18,00
Lunedì 18 ottobre 2010 e martedì 19 ottobre riposoSala Teatro Planet – Via Crema, 14 00182 Roma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...