Fiore di cactus

>

“Fiore di cactus” è una deliziosa commedia di situazioni pazze e malintesi, che molti ricorderanno per la straordinaria interpretazione cinematografica di Walter Matthau, Ingrid Bergman e Goldie Hawn nell’omonimo film diretto da Gene Saks nel 1969. La commedia, ormai un classico del teatro leggero, è stata portata in scena in varie edizioni in Italia, ci limitiamo a ricordare le superbe interpretazioni di protagonisti quali Alberto Lupo e Valeria Valeri (nella prima versione italiana della commedia), poi di nuovo della Valeri in coppia con Paolo Ferrari. E’ la storia di Giuliano Foch, un dentista scapolo ed impenitente play-boy, che, per evitare coinvolgimenti eccessivi nelle storie che vive, si inventa una moglie e tre figli. La sua nuova fiamma, una allegra ragazza di nome Tonia, però, tenta il suicidio per amor suo, perciò il nostro protagonista, preso dal rimorso, si sente obbligato a chiederle di sposarlo e le annuncia il suo divorzio dalla moglie, cui seguiranno le loro nozze. Ma i guai non finiscono qui. La ragazza infatti vuole sincerarsi di avere il consenso della presunta ex moglie. Come risolvere questo problema? Al nostro eroe non resta che cercare la complicità della devota infermiera-segretaria Stefania e farle interpretare questo ruolo… Alla fine, dopo un gioco di divertenti equivoci , il castello di bugie crolla e le “affinità elettive” trionfano: l’amore sboccia improvviso e imprevisto proprio come un fiore di cactus. Ad interpretare il ruolo del dongiovanni pentito sarà FRANCO CASTELLANO, mentre in quello della infermiera nonché finta moglie ci sarà ELEONORA GIORGI attrice di provato talento, oltre che di grande fascino.
Note di regia
Quando un regista si avvicina a un testo come “Fiore di cactus” viene colto come da una sorta di sindrome di Stendhal, perché entra nelle pieghe di un testo che avvolge in un meccanismo semplice ma perfetto che non finisce mai di affascinare.
Si racconta una società, quella dei magnifici anni ’60, che ha avuto come punto di riferimento Frank Capra e che spensierata vive lo svolgersi sereno di storie e sentimenti senza dolore.
È la generazione di chi viveva nella speranza di un mondo sempre più felice e che poi verrà tradita dalla storia che portò invece un periodo molto difficile e complicato.
Credo che per questo motivo il testo di Pierre Barillet e Jean-Pierre Grédy sia un testo che apra a un terzo millennio di voglia di vivere, dove la complicatezza non sarà un valore aggiunto e la difficoltà non sarà intelletto, ma dove la semplicità recupererà tutto il suo valore.
La semplicità di Marco Aurelio, sinonimo di purezza e mezzo di conoscenza verso il cammino della felicità. In questo progetto i due protagonisti sono i perfetti alfieri di quest’avventura: la prima è la donna e l’attrice che tutti gli italiani conservano nel loro immaginario, il secondo rappresenta la classe di un uomo che unisce lo charme alla fantasia.
Il momento che viviamo così pieno di preoccupazioni e di paure ha bisogno di un po’ di speranza nel futuro, un futuro di cose semplici, di cose…un futuro pieno di fiori di cactus.

Riassunto
Antonia Marechal, amante di Giuliano Foch, un affermato dentista, tenta il suicidio per amore di lui, ma viene salvata dal vicino di casa : Igor Polansky. Preso dal rimorso, Giuliano decide di sposarla, ma avendole sempre fatto credere di aver già moglie, è costretto a pregare Stefania Vigneau, la sua infermiera, di prestarsi a recitare la parte della consorte favorevole al divorzio. Inizialmente reticente, Stefania infine accetta ma il coinvolgimento nella storia di personaggi quali Bebert Champignon, La Bionda del Botticelli, Il Colonnello Cochet e la signora Durand, non faranno che complicare irrimediabilmente la vita a Giuliano il quale non fa che aggravare la sua situazione mentendo spudoratamente per cercare di salvare capra e cavoli. Stanca di essere coinvolta, suo malgrado, in una storia che le sconvolge l’esistenza, Stefania decide di mettere fine alla serie degli equivoci e rivela ad Antonia la sua vera identità. Antonia, indispettita per l’inganno, lascia Giuliano per Igor. Così Giuliano, si accorge finalmente di Stefania, da sempre segretamente innamorata di lui e per tanti anni vissuta nella sua ombra. La commedia è la rivisitazione di un’antica e perenne favola che variando dosi ed ingredienti va da “Cenerentola” a “Pretty woman” ma che è qui riproposta con credibile semplicità, brio ed eleganza.

Programma
Venticinque anni or sono, nella stagione teatrale 1981/82, abbiamo prodotto lo spettacolo “FIORE DI CACTUS” con collaboratori tecnici ed artistici di vaglia le cui qualità professionali lo portarono ad un successo strepitoso. Nella attuale congiuntura nazionale, abbiamo deciso di riproporre quel capolavoro come esemplare lavoro di gruppo e come traccia di un percorso, quasi didattico, della professione di produttore. Le scene erano di Lucio Lucentini, ( scene mobili, con due periatti – triangoli equilateri – con su ogni lato una scena già pronta le cui rotazioni consentivano al pubblico – in un sink – di vedere subito la scena seguente come in un percorso cinematografico, che erano rifiniti da una pedana e, sul fondo, da una serie di binari che consentivano lo scorrimento dei diversi fondali di plexiglass che rifinivano il cambio scene). Le musiche, create da quel genio che è stato Mario Nascimbene che ha realizzato molti film ad Hollywood e che negli anni ’50 e ’60 è stato protagonista musicale incontrastato, accompagnavano il ritmo dell’azione assecondando il cambio scene e rendendo la partitura musicale essa stessa personaggio. Infine, la traduzione ed adattamento di Gerardo Guerrieri, che, comunicando appieno il talento creativo dei due autori parigini, ha esemplarizzato le loro pagine in un adattamento semplicemente perfetto.
Descrizione
E’ lo spettacolo che ha conosciuto tre anni di repliche a New York, a Broadway, dove è stato interpretato da Lauren Bacall; tre anni di repliche a Parigi ed una serie di rappresentazioni celebri in tutto il mondo. L’Italia ha visto due celebri edizioni: una alla fine degli anni ’70 con VALERIA VALERI ed ALBERTO LUPO ed un’altra, realizzata dalla nostra produzione, nella stagione teatrale 1981/82, con VALERIA VALERI, PAOLO FERRARI ed ENZO GARINEI; spettacolo, che, nella sua perfezione, ha costituito la summa degli spettacoli del genere leggero. Anche il cinema si accorse di questo lavoro teatrale, affidandolo all’interpretazione di INGRID BERGMAN, WALTER MATTHAU, JACK WESTON e GOLDIE HAWN (che per l’interpretazione di Antonia Marechal le valse il Premio Oscar come miglior attrice) con la regia di GENE SACKS. Ma che cos’è questo “FIORE DI CACTUS” che già si preannuncia come l’evento teatrale dell’anno? E’ uno spettacolo che appartiene a quel genere che comunemente viene definito “boulevardier” e che altre coppie francesi famose come De Fleur e Cavaillet, Labiche e Martrì avevano già proposto in Francia e nel mondo articolando sapientemente le trovate e gli effetti comici, irrorando di dialoghi brillanti e saporiti gli intrecci, con una garbata quanto frizzante costruzione di tipi, con accadimenti anche pretestuosi ma divertenti. La ricetta ritorna, dunque, con “FIORE DI CACTUS” e la fortunata coppia di interpreti protagonisti che sicuramente divertiranno, approfittando di trovate e congegni messi a loro disposizione dai due autori francesi che, come una coppia tennistica, si completano, cercando di non sprecare la palla-game dopo una lunga e serrata serie di colpi felici. J.J. Gautier ha scritto sull’autorevole quotidiano Le Figaro: “FIORE DI CACTUS” è un eccellente vaudeville meravigliosamente confezionato, allegramente avvincente, con situazioni floride e con scene pregne di risorse comiche, intessute da pretesti per ridere e per applaudire.
N.B.
La traduzione ed adattamento dello spettacolo, come detto, è di GERARDO GUERRIERI. La produzione intende ricordare questa colonna del XX° secolo con una pubblicazione, che accompagnerà lo spettacolo, per riportare a galla, dall’oblio, questa figura di intellettuale puro che tanto ha dato alla cultura italiana con i suoi studi, la sua umanità, la sua discrezione, il suo talento. Questo grande esemplare di “uomo”, semplice ed umile, ha collaborato con Luchino Visconti sia al cinema, in qualità di Aiuto Regista, sia in teatro in qualità di drammaturgo, traduttore e adattatore; ha creato, insieme a Paolo Grassi ( alter‐ego di Giorgio Strehler), la collana di Einaudi che ha pubblicato la stragrande maggioranza della drammaturgia mondiale con, in molti casi, sue traduzioni ed adattamenti ancora oggi inarrivabili. Il nostro tempo ha rimosso dalla memoria collettiva questo gigante; questa sua traduzione esemplare parla di lui più di tante parole.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...